La tecnica di utilizzazione in terapia breve

Psicoterapie brevi libro

Utilizzare le risorse e gli strumenti del paziente è un ottimo modo per ridurre i tempi della terapia. [immagine Freepik]

C’è un nome che più di chiunque altro ha influenzato la psicoterapia breve negli ultimi decenni: Milton H. Erickson.

In Psicoterapie brevi Hoyt parla largamente di Milton H. Erickson e del’approccio ericksoniano e della sua influenza nelle terapie brevi: non per niente l’editore che ha pubblicato l’edizione originale del libro di Hoyt è Jeffrey Zeig, tra i più noti allievi di Erickson.

In particolare, Hoyt si sofferma su tutti quegli elementi dell’approccio di Erickson che aiutano a rendere una psicoterapia più efficace ed efficiente.

E tra questi non può di certo mancare la tecnica dell’utilizzazione.

Continua a leggere

21 suggerimenti: #11 Calza i compiti sulla persona

psicoterapie brevi libroI terapeuti del Brief Therapy Center di Palo Alto (come Paul Watzlawick, John Weakland e Richard Fisch) usavano dare dei compiti (o prescrizioni) ai propri clienti come strategia integrativa.

Uno dei problemi principali, dicevano, era far sì che il paziente accettasse di fare il compito, che a volte poteva sembrare strano, banale, illogico, paradossale.

Seguendo i loro studi e quelli di autori contemporanei e successivi (come Milton Erickson e Steve de Shazer), Hoyt in Psicoterapie brevi sottolinea l’importanza di calzare i compiti sulla persona:

“Se stai pensando di dare un compito, assicurati che ciò che andrai a proporgli sia realistico e che il cliente sia disposto a farlo.”

Alcuni terapeuti sono eccessivamente direttivi con pazienti ritenuti “resistenti”, i quali invece collaborerebbero di più nel momento in cui ciò che gli si chiede di fare viene calzato in modo sartoriale su di loro.

 

Flavio Cannistrà
Psicologo, Psicoterapeuta
Direttore della collana Brief Therapies

ULTIMI GIORNI!
PRE-ACQUISTA ORA “PSICOTERAPIE BREVI”

AVRAI DIRITTO A UN PREZZO SCONTATO E APPENA USCITO LO RICEVERAI DIRETTAMENTE A CASA TUA!

PRE-ACQUISTALO SUBITO: CLICCA QUI.

(entro il 30/11/2016 seleziona l’opzione “Ritiro diretto presso la casa editrice”: appena pronto il libro ti verrà spedito gratuitamente all’indirizzo che indicherai)

21 suggerimenti: #2 Rispetta il percorso del paziente

psicoterapie brevi libroChi conosce l’opera di Milton H. Erickson sa come questo terapeuta abbia cambiato il modo di vedere la resistenza e il modo di utilizzarla in terapia, tanto che Hoyt lo cita diverse volte in Psicoterapie brevi.

Un aspetto essenziale, per Hoyt, è il fatto di non puntare i piedi di fronte a una resistenza, tentando strenuamente di abbatterla.

Erickson, a proposito, avrebbe detto che la resistenza ci dice, anzi, quali sono le modalità di collaborazione a disposizione della persona. Steve de Shazer, terapeuta breve padre dell’approccio solution-focused (approfondito da Hoyt) scrisse in proposito un interessante articolo dal titolo La morte della resistenza.

Bisogna perciò imparare a integrarla nella propria strategia terapeutica o, con altre parole, a utilizzarla, appunto.

Con una citazione di Ian Maclaren, Hoyt ricorda che:

“Chiunque incontrerai sta combattendo una dura battaglia”.

 

Flavio Cannistrà
Psicologo, Psicoterapeuta
Direttore della collana Brief Therapies

PRE-ACQUISTA ORA “PSICOTERAPIE BREVI”

AVRAI DIRITTO A UN PREZZO SCONTATO E APPENA USCITO LO RICEVERAI DIRETTAMENTE A CASA TUA!

PRE-ACQUISTALO SUBITO: CLICCA QUI.

(entro il 30/11/2016 seleziona l’opzione “Ritiro diretto presso la casa editrice”: appena pronto il libro ti verrà spedito gratuitamente all’indirizzo che indicherai)

 

Storia della terapia breve

storia terapie brevi

Nel libro Hoyt parla anche delle origini delle terapie brevi.

Com’è nata la Terapia Breve?

In realtà bisognerebbe dire “Come sono nate le terapie brevi?”, al plurale e senza maiuscole, poiché non si tratta di un unico approccio, ma di un insieme di studi e orientamenti, anche molto distanti tra loro

È questo uno dei motivi per cui il libro di Hoyt, teso a unirne insieme gli aspetti salienti, si rivela ancor più degno di nota.

Continua a leggere